Ricominciano quegli appuntamenti fissi settimanali che sono, da ormai quasi 15 anni, linfa vitale del Circolo.

Perché c’è ancora – se non di più – voglia di cercare insieme significati, domande, nuove amicizie e quella libertà che solo i libri regalano.

Quest’anno si fanno in 2:

💚 gli evergreen | i nostri gruppi storici che a ogni nuova stagione ci regalano argomenti, storie e spunti di riflessione diversi

🌎 i monografici | percorsi in sei puntate per approfondire gli universi letterari di un autore o un’autrice

Come funzionano:

>> gli evergreen sono al Circolo, puoi seguirli se hai la Carta Plus, iscriviti al Circolo o via mail (info.novara@circololettori.it)

>> i monografici sono online su Zoom, li puoi seguire se hai la Carta Plus o se li compri al Circolo oppure tramite bonifico (scrivi a info.novara@circololettori.it) oppure tramite Paypal

 

se non hai ancora la Carta Plus,
puoi comprarla al Circolo o qui

💚GLI EVERGREEN💚
Sempre uguali, ogni stagione diversi

> sono al Circolo
> puoi seguirli se hai la Carta Plus
> iscriviti presso l’Accoglienza o via telefono (011 8904401) o via mail (info@circololettori.it)

English Time

i mercoledì ore 15
con Rosanna Miramonti

Conversazioni in inglese: quale modo migliore per imparare una nuova lingua insieme?

Pagine al Darjeeling

un mercoledì al mese ore 21
con Laura Digianfrancesco

Pagine al Darjeeling, è nato quasi 10 anni fa dalla passione di un piccolo gruppo di forti lettori, capeggiato da Luigi Uslenghi, che usava incontrarsi in una sala da tè, una volta al mese, per chiacchierare di libri. Da allora Pagine al Darjeeling non ha mai smesso: gli incontri danno spazio a ognuno perché esprima il proprio parere, le riflessioni, le emozioni, e insieme viene scelto il romanzo che sarà discusso il mese successivo.

> mercoledì 19 gennaio
a partire dall’opera di P.G. Wodhouse

prossimo appuntamento mercoledì 16 febbraio

Novara Noir

una volta al mese ore 21
a cura di Raffaella La Villa, Rita Garzetti e Donatella Brusati

Novara Noir è nato dalla passione per la lettura e la scrittura di Raffaella La Villa, Donatella Brusati e Rita Garzetti. È un gruppo di lettura che indaga la vocazione noir della provincia e della città di Novara, approfondendo i suoi legami con la filosofia, la storia, il cinema e le scienze umane. Ospita ogni mese scrittori e critici che dialogano insieme ai lettori in uno scambio reciproco tra curiosità e piacere del brivido.

> martedì 18 gennaio
Intervistare i giallisti e recensire gialli
con Donatella Brusati, Rita Garzetti e Eleonora Groppetti 

prossimo appuntamento giovedì 10 febbraio 2022

 

Storie della rockanotte

un giovedì al mese ore 21
con Stefano Carsen

A partire dalle monografie dei grandi musicisti del rock, diventate idoli, eroi e icone, si raccontano le loro storie, la musica, il mito.

> giovedì 27 gennaio
Jeff Buckley
a partire da La sua vera voce (Mondadori) di Mary Guibert e David Browne
con Stefano Carsen

prossimo appuntamento giovedì 24 febbraio

Manga Club

i venerdì ore 15
con Giulia Chabouni e Davide Scafidi

Alla scoperta del mondo di Manga e Anime.

> venerdì 28 gennaio

prossimo appuntamento venerdì 25 febbraio

🌎I MONOGRAFICI🌎
Mondi letterari singoli, quindi universali

> sono on line su Zoom
> puoi seguirli se hai la Carta Plus
> puoi comprarli al Circolo o tramite paypal o via bonifico scrivendo a info@circololettori.it

Sei storie dell’uomo nero: dentro i romanzi di Stephen King

2-9-15-23/02, 2-9/03 h 19-20
con Loredana Lipperini

6 incontri € 30

Un percorso di approfondimento sulle tematiche ricorrenti del grande narratore a partire da sei suoi grande romanzi.

> 2/02 | The Stand: la fine del mondo come lo conosciamo

> 9/02 | Salem’s Lot: i vampiri non muoiono mai

> 16/02 | Cose preziose: un paese ci vuole, ma a volte sarebbe meglio di no

> 23/02 | Mucchio d’ossa: certi fantasmi possono essere sconfitti

> 2/03 | Duma Key: mai sfidare una dea

> 9/03 | Mr. Mercedes (e The Outsider): mischiare i generi, dal poliziesco al giallo con uno spiraglio sull’orrore (e uno sguardo a Richard Bachman)

Pasolini. Con me e contro di me

10-17-24-31/03, 7-14/04 h 18-19
con Paolo Di Paolo

6 incontri € 30

Quella di Pier Paolo Pasolini è l’opera – diventata proverbiale, e non per questo necessariamente letta – di un inesausto sperimentatore. Ha esplorato forme e generi; ha cercato lingue e linguaggi: il friulano delle origini per dire l’idillio disperso, il romanesco, acquisito, studiato, per dire la vita di borgata, e ancora, l’italiano aulico, l’italiano giornalistico, l’italiano illuminista, l’italiano contorto, l’italiano sciatto, l’italiano sensuoso. Una lettura “guidata” di alcune pagine dei suoi maggiori romanzi, ma anche di suoi scritti saggistici e giornalistici, di testi poetici ci porta all’interno di un cantiere intellettuale impressionante. Ancora capace di sconcertare per la sua forza provocatoria, per la sua inventiva, per la sua imprevedibilità.

Hemingway: lo scrittore dimenticato

14-21-28/03, 4-11/04 h 18-19
con Matteo Nucci

5 incontri € 30

Fra i più influenti e celebrati scrittori americani del Novecento, Ernest Hemingway soffre di una pessima fama postuma: machista, spaccone, scrittore di superficie. Il mito del cacciatore ha contribuito a questa deriva. Ma il fatto è che sono pochi a rileggerlo seriamente. La sua opera è in realtà una continua ricerca. Dai primi sofferti sforzi al successo, alle crisi, ai ritorni, fino al capolavoro finale e alla caduta. Scopriamo un autore eroico perché fragile. Costantemente in lotta contro se stesso.

 > 14/03 | I primi racconti
A Parigi, negli anni Venti, Hemingway abbandona il giornalismo e inizia a scrivere racconti.

 > 21/03 | Fiesta e i tori
Il primo romanzo è un successo. Gira attorno alle corride che ricorrono nella sua opera. 

> 28/03 | I grandi successi
Addio alle armi e Per chi suona la campana portano Hemingway nell’empireo. Ma qualcosa non va.

> 4/04 | La crisi e il mito
La costruzione del mito sfianca lo scrittore portandolo di fronte all’abisso del fallimento.

> 11/04 | Il vecchio, il mare, la morte
Hemingway si spinge ai suoi ultimi confronti con la morte. Il capolavoro lo premia. È un addio.